3 cose che dovresti assolutamente fare per migliorare la tua pronuncia in russo.

Una corretta pronuncia è molto importante per la capacità di conversazione. Se la pronuncia è scorretta, si rischia di non essere compresi.

Potresti avere un vocabolario molto ampio, conoscere bene la grammatica e coniugare i verbi correttamente eppure, quando parli, non essere capito da parlanti nativi (e non nativi).

Conoscere solamente la grammatica e i vocaboli non significa saper parlare una lingua.

L’abilità orale è essenziale per poter comunicare in russo (e in qualsiasi altra lingua).

Tutti sono in grado di imparare a parlare una lingua straniera e tutti sono in grado di pronunciare correttamente i suoni se e solo se (è una condizione indispensabile) si è rilassati.

La prima cosa da fare quando vuoi migliorare la tua pronuncia è imparare a gestire bene le tue emozioni.

Devi essere calmo e rilassato. Se sei stressato, non puoi pronunciare correttamente.

È ovvio, è matematico. Non possiamo pronunciare correttamente se siamo stressati, se siamo tesi, quindi dobbiamo imparare a rilassarci.

Se sei stressato hai i muscoli della mandibola tesi, i denti stretti e sei a corto di fiato e in questa situazione è difficile, se non impossibile, pronunciare correttamente. Questo vale non solo per poter parlare una lingua straniera ma anche per pronunciare correttamente i suoni della tua lingua madre.

Quindi, prima di ogni altra cosa, prima di iniziare a esercitarti nella pronuncia russa devi capire questa cosa semplice:

 per pronunciare bene, bisogna essere rilassati.

Ecco alcuni suggerimenti più importanti per rilassarti e avere una pronuncia migliore.

Il primo consiglio è di respirare bene.

Essere stressati ed essere tesi ci lascia senza fiato. Abbiamo il cuore che batte veloce e così abbiamo un respiro corto (siamo a corto di fiato). E se sei a corto di fiato, è difficile pronunciare correttamente, è impossibile.

Quindi, non aver paura di fare brevi pause e respirare bene. E non solo respirare con la bocca ma respirare con il diaframma.

La respirazione diaframmatica (oppure addominale) è una delle tecniche di rilassamento.

Quindi, il primo consiglio è di respirare bene. Prenditi il ​​tempo per imparare a respirare meglio per pronunciare meglio!

Il secondo consiglio (è un “trucco” che non tutti gli studenti conoscono) è di parlare lentamente, non avere fretta.

Spesso, quando vogliamo sbarazzarci di qualcosa di difficile, ragioniamo in questo modo: “ok, devo dire questa parola russa lunga e impronunciabile, beh, provo a dirla velocemente, così finirò di pronunciarla in molto meno tempo e la mia ansia non durerà a lungo”.

Il problema è che il tuo cervello non riesce ad operare bene in tempi così veloci.

Abbiamo una pronuncia scadente quando parliamo troppo velocemente.

Quindi, prenditi il ​​tuo tempo, parla più lentamente, pronunciando ogni sillaba (in russo si pronunciano quasi sempre TUTTE le lettere che compongono una parola) e vedrai che la tua pronuncia sarà molto migliore.

Il terzo consiglio – sarà divertente e suonerà stupido – è correlato ai primi due.

Fermati ogni tanto per deglutire la tua saliva. Quando parli velocemente e hai una respirazione corta la saliva si accumula.

Fai questa prova: prendi un po’ di acqua in bocca, non molto, ma un po ‘e prova a dire qualcosa (anche in italiano).
Questa prova è per dimostrarti quanto è difficile pronunciare correttamente quando hai la saliva in bocca.

Per articolare bene i suoni e essere comprensibile per chi ti ascolta i tuoi organi fonatori (lingua, labbra, denti, palato ecc) hanno bisogno di prendere posizioni particolari. E la saliva in bocca è un ostacolo per fare ciò.

Quindi per pronunciare bene non avere fretta, respira bene con il diaframma, prenditi il ​​tuo tempo, deglutisci regolarmente la tua saliva e non lasciare che si accumuli.

Ovviamente, non diventi subito capace di parlare russo correttamente solo padroneggiato le tue emozioni.

Pronunciare in una condizione NO STRESS  è solo il punto di partenza, ma hai da lavorare ancora.

La seconda cosa importante è ascoltare molto il materiale autentico (vale a dire il materiale creato da parlanti nativi: il russo parlato dai russi).

E’ evidente che ascoltare è molto utile per migliorare la comprensione orale. Ma non solo, è molto utile anche per migliorare la espressione orale: ascoltando molto una lingua straniera impariamo sia a capirla meglio sia a pronunciare i suoni correttamente.

Ma attenzione! Ascoltare i materiali autentici che siano anche ADATTI al tuo LIVELLO di conoscenza del russo è 100 volte più efficace per migliorare la comprensione orale e la pronuncia.

Ascoltando non si migliora solo la comprensione orale ma anche la pronuncia perché la capacità di espressione orale parte dal nostro cervello.

Quando il nostro cervello sente una parola/una frase- e se ascoltiamo i parlanti russi, la pronuncia è corretta- mandiamo un messaggio al nostro cervello. Tutte le informazioni il nostro cervello le registra come “percorsi”, che sono veri e propri connessioni tra neuroni.

Il cervello è costituito da neuroni, che sono delle cellule nervose, che hanno il compito di scambiarsi informazioni tra di loro, mediante connessioni, chiamate sinapsi. 

L’apprendimento linguistico consiste proprio nella connessione tra neuroni.

Quindi quando sentiamo un’informazione una volta, si crea il primo percorso e ogni volta che sentiamo le stesse informazioni, le connessioni trai neuroni diventano sempre più stabili e molto più veloci.

Più saranno veloci le connessioni più fluentemente possiamo parlare e più velocemente possiamo comprendere una lingua.

Questo non è un corso di neuroscienza, ma possiamo immaginarlo in questo modo: all’inizio, abbiamo una connessione molto debole e più il cervello ascolterà la pronuncia corretta, più costruirà una connessione sempre più solida. Quindi, più il messaggio viene ripetuto, più la connessione sarà stabile e veloce, più la pronuncia che viene ascoltata verrà memorizzata dal nostro cervello e più la nostra pronuncia sarà corretta.

All’inizio, abbiamo una strada forestale e alla fine, ascoltando e ri-ascoltando, avremo una strada a quattro corsie e più ascoltiamo, più veloce sarà la strada.

Quindi, ascoltando molto il materiale autentico e adatto al tuo livello di conoscenza del russo, il tuo cervello “registrerà” la pronuncia corretta.


Ma ascoltare non è abbastanza: ecco perché ci sono tre cose indispensabili e non due !

Non vogliamo che le informazioni sulla buona pronuncia rimangano solo nel nostro cervello.

Se la pronuncia corretta rimarrà solo come connessione tra neuroni nel cervello, noi rimarremo solo passivi.

Ma l’unico modo per diventare bravi nel parlare una lingua straniera è parlarla!

Bisogna, quindi, essere ATTIVI.

E per far sì che la pronuncia corretta che abbiamo memorizzato nel cervello con l’ascolto vada alla bocca (l’organo che ci permette di parlare), bisogna fare molta pratica!

E questa è la terza cosa indispensabile che devi fare per migliorare la tua pronuncia – esercitarti.

Rilassati, ascolta il materiale autentico e adatto al tuo livello e esercitati, fai molta pratica.

Solo esercitandoti puoi trasformare informazioni astratte e teoriche che hai nella testa in informazioni pratiche e concrete che puoi pronunciare con la tua bocca.

E per fare ciò non esistono segreti e non esistono metodi miracolosi.

C’è solo un metodo che funziona sempre. E’ praticare.

Bisogna prendere la consapevolezza e fare esercizi mirati per la pronuncia e l’articolazione dei suoni corretta.

Negli anni ’50, grazie agli studi e alle scoperte di Alfred Tomatis sull’orecchio umano, si è capito che non possiamo riprodurre in modo spontaneo (cioè senza studiare, senza conoscere le regole) un suono che non abbiamo mai sentito durante il così detto periodo critico (fino a pubertà).  Durante l’infanzia l’orecchio si apre alle frequenze della lingua materna, ma resta chiuso a quelle lingue che non sentiamo.

Ogni lingua utilizza in maniera preferenziale alcune zone di frequenze sonore, chiamate bande passanti, per cui i suoni che produciamo e ascoltiamo sin da piccoli nella nostra lingua madre si trovano all’interno di questo range. Più ampia è la banda, più numerosi sono i suoni che siamo in grado di ascoltare e riprodurre.

Nel grafico qui sotto è mostrata la tabella delle bande passanti medie di alcune delle lingue più correnti.


Come si vede, il russo si posiziona nella fascia tra i 125 e i 120000 Hertz, mentre l’italiano è mediamente tra i 2.000 e i 4.000 Hertz. Può variare leggermente grazie ai suoni di alcuni dialetti regionali che introducono nell’italiano fonemi di banda più allargata, ma essenzialmente i confini delle frequenze sonore sono questi.

E’ evidente come gli italiani, così come ancor più gli spagnoli e i francesi, sono “penalizzati” nel riprodurre la pronuncia delle lingue straniere. Ben altro è il caso dei russi la cui facilità di riproduzione corretta dei vari fonemi è sorprendente.

Si tratta dunque di avere un orecchio più o meno “aperto” a seconda qual è la nostra lingua madre.

Forse hai notato come chi ha un buon orecchio musicale di solito pronuncia una lingua straniera meglio di uno stonato.

Agli italiani per imparare la pronuncia russa è richiesto uno sforzo maggiore.  Perché in Russo ci sono suoni che non  esistono in italiano e per questo motivo non sai articolarli bene. Semplicemente perché i tuoi organi fonatori (la lingua, le labbra, i denti, il palato ecc) non sono abituati nel produrli.

La pronuncia è corretta quando gli organi fonatori funzionano (si muovono) correttamente. Per migliorare la pronuncia bisogna studiare l’articolazione dei suoni russi, bisogna allenare gli organi fonatori a muoversi in modo alla russa, proprio come i muscoli in palestra.

E da quanto detto finora, appare chiaro che il metodo del semplice “ascolta e ripeti” non ti porterà a migliorare più di tanto la tua pronuncia, poiché sarai portato a “adattare” ai suoni della tua lingua madre ciò che senti in russo, riproducendolo poi con le frequenze sonore italiane che ti sono familiari e naturali.

Sarà dunque necessario trovare un’altra via, un metodo più efficace per raggiungere il risultato desiderato.

Ecco perché abbiamo organizzato una Masterclass sulla pronuncia: perché tu abbia una pronuncia russa abbastanza buona e per aiutarti a imparare la pronuncia russa corretta più velocemente e facilmente possibile.

Masterclass
Impara la pronuncia russa bene e per sempre

La Masterclass sulla pronuncia e fonetica russa è rivolta a tutti coloro che studiano la lingua russa e vogliono migliorare la propria pronuncia, sia ai principianti sia agli studenti più avanzati.

(anche se si è già studiato il russo per qualche anno, si può sempre migliorare la propria pronuncia).

Per imparare l’articolazione dei suoni corretta (alla russa), concentrandosi principalmente sui suoni che non esistono in italiano e sui suoni che rappresentano le maggiori difficoltà per gli italiani.

La prossima Masterclass Impara la pronuncia russa bene e per sempre  si terrà

lunedì 26 novembre 2018 dalle 19 alle 21

a Trento

presso la sede dell’Associazione Sputnik in piazza Garzetti, 6

La partecipazione è a numero chiuso (max 10 persone) per avere la possibilità di essere ben seguiti, di avere ognuno il proprio spazio, di essere più coinvolti.

 

Per partecipare all’incontro di lunedì 26 novembre alle 19 e prenotare il tuo posto il prima possibile

invia una mail con l’oggetto Masterclass Pronuncia russa

all’indirizzo:

info@corsi-di-russo-sputnik.it

riceverai tutte le informazioni sui contenuti della Mastercalsss e sulle modalità di partecipazione.

N.B. se entro 24 ore non ricevi nessuna mail, controlla sempre anche la casella Spam, Posta indesiderata o Promozioni

Una buona pronuncia fa la differenza!

 

Prenota il tuo posto alla prossima Masterclass lunedì 26 novembre alla 19 inviando una mail con l’oggetto Masterclass  Pronuncia russa all’indirizzo:

info@corsi-di-russo-sputnik.it

 

P.S. non puoi partecipare all’incontro di lunedì 26 novembre?

Nessun problema!  Questo non è l’unico incontro di questo tipo che faremo durante l’anno scolastico 2018/2019.

Invia ugualmente una mail con l’oggetto Masterclass Pronuncia russa all’indirizzo:

info@corsi-di-russo-sputnik.it

per ricevere l’invito a partecipare alle Masterclass sulla pronuncia e fonetica russa che si terranno durante l’anno.

 

Domande, dubbi, curiosità?

Non esitare a contattarci !

Siamo qui per aiutarti a rendere il tuo studio del Russo più facile e più veloce!

 

Articoli correlati:

La pronuncia russa: perché una corretta pronuncia è importante e come ottenerla.

 

Imparare il russo può diventare un’impresa lunga e faticosa oppure del tutto impossibile.

Ma tutto cambia se conosci bene come funziona la lingua russa e come meglio studiarla.

Imparare il russo è fattibile al 100% fattibile e può essere meno difficile e più veloce, se sai come farlo !

Vuoi imparare il russo?

La motivazione, l’impegno e la costanza dovrai per forza metterceli tu.

Al resto ci pensiamo noi !

Compila questo modulo per ricevere tutte le informazioni sui nostri Corsi di Russo:

 

Fonti e riferimenti:

Il Periodo critico per l’Acquisizione-Apprendimento delle Lingue non native

Ma è proprio vero che noi Italiani non siamo portati per le lingue?

6 thoughts on “3 cose che dovresti assolutamente fare per migliorare la tua pronuncia in russo.

  1. Confesso: quando mi sono iscritto alla Masterclass del 26 novembre, non ero affatto convinto di quello immaginavo fosse (letto l’articolo di cui sopra) un approccio “scientifico” alla pronuncia: pensavo bastasse ascoltare con attenzione un madrelingua e cercare di replicare nel miglior modo possibile i suoni e le intonazioni.
    Dopo solo 10 minuti di Masterclass ho radicalmente cambiato idea. La lezione di Yana mi ha letteralmente aperto le porte di un nuovo mondo: ho cominciato ad “ascoltare” le parole che pronunciavo, a capire non solo che sbagliavo, ma anche e sopratutto perché sbagliavo. Ed a fine lezione come per magia ho realizzato di essere in grado di controllare, scientemente, i suoni che articolavo (beh non tutti, diciamo un 30-40%, i miei personali limiti mi impongono ancora tanto lavoro ed allenamento).
    Inutile dire che ci sarò anche alla prossima: repetita iuvant….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *